lunedì 14 dicembre 2009

era ora..

se tiri troppo la corda, è ovvio che prima o poi si spezza..



rabbia del cittadino comune. non un complotto politico, nessuna ombra rossa dietro questa manifestazione di malcontento. solo un pover'uomo, disturbato mentalmente, hanno detto i media, ma comunque un cittadino comune. i lacchè del cavaliere hanno subito inneggiato ad una sinistra violenta che, non potendo sconfiggere l'avversario al seggio decide di colpirlo con metodi meno convenzionali.. giudici comunisti, aggressori e mandanti comunisti.. tutti rossi in questa bolscevica italietta!

finalmente qualcuno ha fatto il primo passo, dando il via a qualcosa di grande, ma che ancora non comprendiamo appieno. ora stà a noi continuare su questa strada.. non quella della violenza, ci mancherebbe, bensì quella della rivolta. lo chiamino golpe o come cazzo gli pare, berlusconi è un cancro e noi dobbiamo diventare la cura. ne và del futuro di noi tutti. tesseramento insanguinato, tesseramento fortunato!

Nessun commento: