lunedì 30 novembre 2009

a volte una preghiera..

questo gioiellino era la lamborghini in dotazione alla polizia stradale di bologna..



..ma nella notte di domenica è successo che un ignaro automobilista le ha tagliato la strada uscendo da un benzinaio, così..

tra l'altro, quel magnum p.i. di agente che stava al volante,  doveva correre a velocità considerevole per ridurre la super-pantera così! chissà se a lui lo hanno fatto, l'etilometro..??!!

venerdì 27 novembre 2009

tanto per chiarire..

guerre civili e poveri coglioni

..vostro onore, sono mortificato, davvero.. solo mi sono appena ricordato che per il 4 dicembre ho un consiglio dei ministri cui non posso proprio mancare.. magari facciamo un'altra volta.. magari..


berlusconi, quando si tratta di incrociare la strada con la magistratura, è "legittimamente impedito", povera stella, mica è colpa sua se gli fissano le udienze dei processi proprio nei giorni in cui deve presenziare ad inderogabili impegni istituzionali! meno male che silvio c'è e che ci dà il buon esempio!

durante il cdm di ieri, le parole di mr.B sono state perentorie come non mai: ha parlato di persecuzione giudiziaria, di una pericolosa frangia della magistratura che lo vuole far cadere, sostenendo fantascientifiche tesi sul suo conto. una vera e propria guerra civile, un tentativo di colpo di stato. pertanto ha preteso ed ottenuto una dichiarazione di intenti a firma del governo tutto, in cui si è chiarito alla nazione che la maggioranza resterà compatta a scudo sel proprio leader e che porterà avanti la tanto agoniata riforma costituzionale della giustizia, nonchè le leggi atte ad evitare che il nano possa essere giudicato per i reati commessi e pure per quelli che stà commettendo e commetterà..!


inoltre si è fatto sapere ai propri alleati che il pdl è un partito che decide per maggioranza e chi non è d'accordo può prendere la porta.. in poche parole: nel pdl decide berlusconi e chi non lo appoggia si può pure levare dalle palle! chissà a chi si riferivano queste parole..? povero gianfranco, lui ha retto le figure di merda e tutto il resto fino a che ha potuto.. ora si vede che non ce la fa più.. ha ancora un briciolo di dignità ed amor proprio, lui.. mica si chiama capezzone, lui.

la situazione è grave, signori miei, molto grave! guardatevi intorno e provate a riflettere un istante sull'impatto che questa dissennata classe politica avrà sul futuro della nostra già precaria nazione.. e non parlo dei nostri figli, perchè la merda stà già piovendo a catinelle sulle nostre teste. quando tengono i loro comizi, quando espongono le loro percentuali statistiche, quando rispondono (quasi mai) alle domande dei cittadini incazzati o dei pochi giornalisti seri rimasti.. loro mentono, ingannano, prendono per il culo.. siamo trattati alla stregua di poveri coglioni. ma infondo, se non facciamo nulla per mandarli tutti a casa, è anche un po' quello che siamo!

sabato 14 novembre 2009

uscite pure a divertirvi..

capita di sentire lacrime e sconforto, testimonianze delle famiglie e degli amici di coloro che, come aldrovandi e cucchi, sono stati umiliati ed infine ammazzati in nome della legge. sembra di rivedere sempre la stessa scena, le stesse parole, ma nessuno si decide a muovere la mano per fare si che questo schifo abbia fine. e tutte le volte la stessa domanda: perchè mio figlio è stato assassinato in questo modo? e perchè si erge ogni volta lo stesso muro di omertà, a fare si che i congiunti apprendano la notizia quando ormai è troppo tardi per poter salvare la situazione? ma troppo tardi anche solo per potersi concedere un ultimo abbraccio, un ultimo saluto.. se vivessimo in un paese civile, cose del genere potrebbero accadere una volta, magari due, ma si vedrebbero cadere teste e volare condanne. qui da noi la menano con la pena certa, ma a parole siamo tutti grand'uomini.. poi, però, è ai fatti che spetta l'ultima sentenza. 

nei giorni scorsi, tra l'altro, mi è capitato di rivedere la splendida puntata di "blu notte", di lucarelli, riguardante i giorni del g8 di genova, nel luglio 2001.. non è solo una mera fantasia dell'immaginario comune: purtroppo, nel nostro paese come in altri, l'ordine pubblico viene amministrato da persone con spiccata tendenza al comando, con attitudine che richiama al fascismo, all'imposizione della propria volontà sull'inerme.. ma a differenza di altri paesi, noi lasciamo che tutto ciò passi inosservato, secretato, sotto silenzio, affinchè l'opinione pubblica abbia l'illusione della sicurezza.. perchè questa non è sicurezza, ma "rassicurazione".. ed è ben diverso! 

non lasciate che quanto stà accadendo in italia possa cadere nel dimenticatoio, ma nemmeno mostriate falsa solidarietà se queste vicende non vi toccano. pensate solo a questo: la prossima volta potrebbe accadere a voi. buon sabato sera a tutti.. vi auguro di non essere fermati, almeno per questa sera..