lunedì 3 agosto 2009

ho capito tutto

la chiesa ha deciso di impegnare anima e corpo in questa nuova battaglia.. nuova si fà per dire, perchè la pillola abortiva "ru486" è realtà già da una ventina d'anni circa, ma loro pare se ne siano accorti giusto all'ultimo momento. e così è cominciata la protesta..

la cei invita i medici all'obiezione di coscienza, chiedono al governo di vietarne la vendita, volano minacce di scomunica per chi decidesse di prescriverla e/o di farne uso.. non sanno più cosa inventarsi pur di troncare sul nascere l'esistenza del "farmaco killer". in un certo senso si stanno macchiando dello stesso crimine che vorrebbero imputare alla pillola: stanno adoperandosi in funzione di un vero e proprio aborto che neghi al feto (ru486) di vedere la luce. ed io ho capito il perchè di tanta agitazione..


se uno si ferma un istante a ragionare è evidente, salta decisamente agli occhi: è la solita questione di soldi. pensateci: perchè si decide di ricorrere ad un aborto? ci sono svariate motivazioni valide, certo. una di queste è la impossibilità di mantenere economicamente il futuro bambino, impossibilità di garantirgli anche solo il minimo indispensabile ad una esistenza serena, priva di stenti. ebbene, alla chiesa questo non piace. perchè mai, vi chiederete.. ovvio, per l'ottoxmille! è matematico: la chiesa cattolica ha bisogno dei poveri affinchè affluiscano nelle proprie casse i danari delle offerte. niente poveri, niente offerte (o quantomeno, molte meno offerte). il clero si culla e si vanta di una ricchezza di cui fà sfoggio ad ogni occasione. con la scusa di farlo per il signore, adornano chiese e cappelle di affreschi, ori ed argenti, marmi pregiati e vetrate d'artista. tutto per il signore, ovvio.. ma il signore di cui parlate sarà mica lo stesso che predicava povertà e l'inconsistenza della ricchezza terrena??!! perchè se no comincio a fare un tantino di confusione.. casto e puro a parole ma figlio di troia in pratica?? è così che deve essere il perfetto uomo di fede?? beh, di sicuro gli alti prelati cattolici sono sulla buona strada.. su questo nulla da dire.

2 commenti:

Bianconiglio ha detto...

Sai..LORO dicono che una donna dovrebbe comunque portare a termine la gravidanza e poi eventualmente dare in adozione il bambino, e i LORO centri di assistenza partono da questo presupposto, perchè LORO non sanno cosa significa avere un figlio in grembo. Se il figlio arriva da uno stupro provi SCHIFO per te stessa, se il figlio invece lo vorresti ma NON PUOI, nel momento in cui lo senti DENTRO DI TE chi ti dà poi l'assistenza terapeutica necessaria per VIVERE la tua vita sapendo che TUO FIGLIO vive con un'altra famiglia??? Le preghiere?? bastano? LORO questo non lo sanno.
NON
LO
SANNO
Il dolore della scelta abortiva lo trattano come fosse uno svegliarsi la mattina e lavarsi i denti...Conosco donne, tra cui la sottoscritta che lo hanno fatto, e lo rifarebbero, perchè UN FIGLIO ha DIRITTO ad avere LA PROPRIA MADRE, e VICEVERSA e nessuno NESSUNO dall'alto giudicherà MAI una scelta fatta con AMORE E SOFFERENZA

MAI.


tutte le altre cosine sui costumi della chiesuccia invece mi sa che le giudicherebbe sì. IPOCRITI

Wilson (ويلسون) ha detto...

tremendamente giusto.. la loro missione, difendere la sacralità della vita.. ma è anche questo: decidere di non condannare un essere ad un'esistenza di stenti. pensa nel caso scoprissi di avere dentro un bimbo che verrà al mondo con ritardi o malformazioni.. pensa solo un istante a quanti complessi e quanta "sofferenza" alberga già solo nel cuore delle migliaia di ragazzini e ragazzine "normali". pensare che mio figlio non potrà mai rendersi autosufficiente, che non potrà mai avere una vita normale, come quella degli amici che si farà.. qual'è il crimine contro la vita, a questo punto??