martedì 31 marzo 2009

scatole cinesi

ci pisciano addosso e ci dicono che piove.. ha ragione grillo quando dice che qui da noi, fare progetti per il domani non è ritenuto prioritario. la germania sigla un accordo energetico per i prossimi 100 anni con il giappone e noi non sappiamo neanche cosa dobbiamo fare lunedì mattina.. chi governa sono persone anziane, che dovrebbero lasciare il seggio alle future generazioni e invece si ostinano a piantare casini.. e come tutte le persone anziane, hanno paura. anzi, hanno paure. paure che li portano ad amministrare il paese fiduciosi di una visione distorta della realtà.. e mentre fanno i propri maneggi cercano di insinuare paura anche nell'animo di chi non ne prova, per renderci soggetti facilmente influenzabili.. ci aizzano gli uni contro gli altri per tenerci la mente occupata e per fungere da gatekeepers, valvole di sfogo della nostra stessa rabbia repressa, divenendo così complici del sistema e peggiori nemici di noi stessi. parlano di ecologia e dicono "lo faccio per il futuro del mio bambino".. cioè, stai attento a fare la differenziata e ricicli, ma quando si tratta di rinunciare al suv non ci sono cazzi che tengano! "il suv c'è e resta dov'è! tanto anche se lo vendo che differenza vuoi che faccia? quello che esce dallo scarico del mio suv non è che una goccia nel mare".. e con questa mentalità si tira a campare fino al giorno successivo.. uno che insegnamento trae da tutto questo? semplice, che questi ritardati vogliono un pianeta sano per figli malati. che continuano a bruciare combustibili fossili (già la parola di per sè rende l'idea di quanto siano superati) in automobili che il 90% dell'energia la sviluppano in calore, invece che in movimento.. al pari di ingombranti stufe di lamiera e plasticone. la tecnologia esiste, non è fantascienza o ipotesi, però fanno di tutto per lasciare la massa ancorata al passato.. automobili che fanno 100 km con un litro, o ancora meglio macchine a idrogeno, che dallo scarico esce vapore acqueo.. o veicoli elettrici che hanno anche più sprint di quelli classici a scoppio.. solo che loro sentono l'intima esigenza di salassare il pianeta fino a che si giunga all'ultima gocciolina di merda di petrolio.. e allora prenderanno in considerazione alternative valide su cui poter continuare a lucrare.. sempre grillo: "ma insomma, l'età della pietra non è mica finita perchè sono finite le pietre!".. e questi vecchi bastardi non vogliono saperne di crepare.. e i giovani, quelli che ancora portano avanti qualche ideale, restano a guardare la storia che si scrive e attendono rassegnati di raggiungere vivi la vecchiaia, così da poter assumere il ruolo dei padri ed occupare a loro volta i seggi che spetterebbero ai propri figli.. è e resterà un circolo vizioso finchè qualcuno (o qualcosa) non farà collassare il sistema. qualcosa tipo la questione dell'acqua, che la vogliono privatizzare, come il cibo sempre più artificiale, che ricreano i sapori e gli aromi ma li fanno ancora più invitanti di come li trovi in natura, così quando mangi una fragola ti stupisci che non sappia di fragola.. ti riducono che credi che il vero sapore di fragola sia quello sintetico e tutto il tuo senso del gusto viene devastato. e viene devastata anche la parte del tuo cervello che associa alla fragola un dato sapore e una data consistenza.. ora però basta.. è tardi e comunque sono discorsi che ogni termine và chiarito con una breve parentesi e quella parentesi contiene termini che vanno a loro volta chiariti.. scatole cinesi, come enigmi che tu non li risolvi.. e fino a qui tutto bene.

Nessun commento: