venerdì 20 febbraio 2009

la posta del cuore

caro giulio,
lavoro come operaio presso una rinomata industria del petrol-chimico, in provincia di genova. mi chiamo massimiliano ed ho 31 anni. ho sentito dire al telegiornale che, durante un'intervista, hai rilasciato una dichiarazione riguardo alla destinazione del trattamento di fine rapporto (tfr). il servizio era riassunto in: "crisi. lasciare il tfr in azienda. tremonti: non è la risposta giusta." mi pare che si trattasse di un trafiletto su rainews24, ma non vorrei sbagliare. dal momento che non ho ben chiaro cosa fare del mio tfr e, vista la fiducia che nutro nei tuoi riguardi, inquanto grande uomo politico e stimato economista, ho deciso di seguire il tuo consiglio. perciò, se potessi darmi delucidazioni su come investire, o meglio, a chi destinare il mio tfr, te ne sarei infinitamente grato. sai, i discorsi di beppe grillo sull'argomento mi hanno un po' intimorito, lo confesso. lui diceva che in questi anni, chi ha lasciato il proprio tfr in azienda, ha guadagnato più o meno il 3%, mentre chi lo ha destinato altrove ci ha rimesso in media il 20 - 30%.. si ma io non ci credo mica a queste cose! grillo, si sà, è un risaputo demagogo, nonchè uno sprovveduto allarmista!! mi sento di ribadirlo, io ho fiducia in te, giulio, e tutti i grilli di questo mondo possono dire quello che vogliono. io non sono uno dei tanti fessi che pendono dalle labbra di questi comici e di questi autori di volgare ed inopportuna satira, io sono diverso. se tu, che sei stato nominato ministro delle finanze dal nostro amato presidente del consiglio, dichiari ai lavoratori di avere fiducia e di mettere il proprio tfr nelle mani di operatori economici esperti, che sappiano farlo fruttare, per garantirci un futuro più sereno e privo di preoccupazioni.. beh, io mi fido. io credo in te, giulio, non mi stancherò mai di ripeterlo! sò bene che la carica di cui sei stato investito comporta doveri impellenti ma, se potessi trovare il tempo di consigliarmi ancora un pochino su come fare per garantirmi una vecchiaia finanziariamente stabile, te ne sarei riconoscente dal profondo. ti ringrazio per l'attenzione e resto in attesa di risposta.

cordiali auspici, massimiliano.

Nessun commento: