domenica 8 febbraio 2009

credevamo di aver toccato il fondo..

l'odissea continua. alla clinica "la quiete" di udine, eluana englaro giace in attesa di lasciare questa vita. il suo caso ha spaccato in due l'italia ed ognuno si è sentito in dovere di dire la sua.. ma qualcun altro è andato ben oltre e, dato che questo altro è il nostro amato premier, le cose si sono oltremodo messe male. il protocollo autorizzato dalla corte di cassazione, quello che prevede le modalità dell'interruzione della alimentazione ed idratazione di eluana, è stato messo in atto dallo staff medico. da tre giorni si è staccata la spina.. eluana però non soffre, non può più soffrire da tempo, perchè il suo cervello è oramai estraneato dal corpo, non trasmette più sensazioni alla coscienza della giovane, siano sensazioni di dolore o di piacere. eluana è morta diciassette anni fà e la sua famiglia non ha ancora avuto modo di darle degna sepoltura. la sua famiglia ha dovuto patire le pene dell'inferno per tutto questo tempo, avendo innanzi agli occhi il corpo immobile di una figlia che non potrà mai più riprendersi dallo stato in cui si trova.. mai più. e allora chi ha ancora il coraggio di pronunciare la parola "eutanasia"? o di paragonare eluana ad un invalido, cercando così di falsare l'opinione pubblica per mostrarsi paladino della vita.. si, ma che vita è quella di eluana? e quella dei suoi cari? si fà presto a parlare, quando le situazioni non ci riguardano, quando abbiamo il punto di vista privilegiato di chi, spento il televisore, si può dimenticare della storia e andare a dormire sereno. dai cattolici te la aspetti, certo.. ma c'è qualcun altro che trae enormi vantaggi in fatto di immagine a spese della vita altrui. c'è un presidente del consiglio che, tirando in ballo il caso di eluana, reclama cambiamenti della costituzione e specula sulla sofferenza per un lauto ritorno a fine mese. questo presidente del consiglio asserisce che l'opinione del presidente della repubblica sia da considerarsi alla stregua dei commenti degli anziani in famiglia, tipo: "ok nonno, ora però ti cambiamo il pannolone perchè puzzi di merda.." potremmo istituire ospizi per la terza età delle istituzioni.. i nas, mandati a mettere a ferro e fuoco la clinica, sperando di riscontrare una qualche irregolarità che permetta di infangarne il nome ed interromperne l'attività.. i ministri che corrono a destra e a manca per confezionare al più presto una legge che salvi in corner la vita della englaro, così siamo punto e a capo. dopo quasi vent'anni, in cui lo stato si è grattato amabilmente la pancia, invece di legiferare in materia di testamento biologico, mentre peppino englaro conduceva interminabili battaglie in tribunale per vedersi riconoscere il diritto a seppellire una figlia morta.. dopo che la cassazione (croce e delizia di berlusconi) gli ha dato finalmente il permesso di lasciar andare eluana, inquanto diritto costituzionale, ricordiamolo.. dopo tutto questo qual'è la richiesta del governo? aspettare ancora qualche giorno per dare il tempo alla macchina legislativa di approvare un decreto che mandi a puttane tutto il lavoro e tutte le sofferenze patite fino ad oggi. ci vuole coraggio.. si perchè, secondo berlusconi, la costituzione che ha permesso di arrivare a tanto, è stata scritta al termine di un periodo che vide fascismo ed ogni altro genere di atrocità, quindi và riscritta, ad uso e consumo delle nuove generazioni.. forse silvio non calcola che a quei tempi la gente ricordava ancora bene ciò di cui fascismo e fascisti sono stati capaci e ciò a cui quel modo di governare ha portato. oggi invece non si ha più memoria storica e la gente, quel poco che sà, lo ha letto sui libri di storia.. ma esistono libri di storia che raccontano ciò che realmente successe e libri di storia che ne danno un'interpretazione molto di parte.. e vai a sapere quale tipo di libri si sono adoperati per istruire le nuove generazioni.. quando gli ultimi testimoni di una mattanza periscono, quella mattanza ha occasione di riproporsi agli ingenui occhi dei posteri. è la storia che si ripete, come è sempre stato.


indro montanelli sosteneva che l'italia non è capace di andare a destra senza scivolare nel manganello.. e questi invadono le strade di militari.. uno per ogni bella donna, vero?| chissà come faranno le racchie..??

Nessun commento: