venerdì 12 dicembre 2008

fs in breve


tanto per fare un esempio: sulla tratta chiavari - genova brignole, all'andata ho preso il regionale che parte alle 17.54 da chiavari.. alla partenza 15 minuti di ritardo, all'arrivo 22 minuti. faccio i cazzi miei e torno in stazione, questa volta a brignole, per prendere il regionale che parte alle 21.10 e che mi riporta a casa.. 20 minuti di ritardo sia alla partenza sia all'arrivo. come cazzo è possibile che in una giornata che voglio fare avanti e indietro da casa mia a genova, devo trovare cosi tanto ritardo sia andando sia tornando indietro? eppure io sono uno dei tanti coglioni che lo paga il biglietto! ma è cosi difficile gestire il traffico dei convogli sulle reti italiane? nel resto d'europa va tutto bene, perchè da noi deve essere cosi? tra l'altro non è che erano in ritardo solo i due regionali che ho preso io.. durante tutta la giornata ci sono problemi di orario, se non addirittura soppressioni di treni, e nonostante certi ritardi superino addirittura la mezz'ora (quest'estate ne ho sentiti di 240 minuti per certe lunghe tratte.. roba da pazzi), rimane un'impresa riuscire ad ottenere il rimborso dovuto del prezzo del biglietto.. ne trovano sempre una per non pagare, tanto che alcune associazioni di consumatori ed enti regionali, hanno condotto battaglie legali a riguardo. detto ciò, questi invece che migliorare il servizio, fanno tagli al personale tecnico e a quello di bordo, e lo facevano già prima che esplodesse questa maledetta crisi dell'economia, quindi non hanno scusanti. gli amministratori ed i vari responsabili delle ferrovie italiane sono emeriti incapaci, che andrebbero sostituiti con personale competente, che sappia svolgere il proprio lavoro. è troppo importante il treno, come mezzo di trasporto, nel nostro mal ridotto paese.. è una risorsa che deve essere amministrata con attenzione inquanto servizio essenziale per il cittadino e per il movimento delle merci. invece che inaugurare la "freccia rossa" dell'alta velocità, che intanto costituirà una minima parte del traffico su rotaia, che mettessero a posto quanto di malandato c'è nel sistema. è inutile voler costruire l'attico se le fondamenta cadono a pezzi. che qualcuno si prenda la briga di spiegarlo a questi ingegneri, una volta o l'altra.

Nessun commento: