mercoledì 17 dicembre 2008

berlusconi perde il ricorso. la gandus resta.


di tanto in tanto, in italia, pare esistere ancora un barlume di correttezza e di legalità.. è stato infatti respinto il ricorso del nostro amato premier, silvio berlusconi, con il quale intendeva ricusare il giudice gandus, presidente del collegio chiamato a giudicare nel cosidetto processo mills, che vede imputato l'avvocato inglese david mills, assieme al cavaliere, per fatti di corruzione. breve riassunto: mills riceve 600.000€ da berlusconi.. un regalino, diciamo. mills era colui che, al tempo, amministrava i capitali off-shore del gruppo mediaset. sempre mills, non sapendo come giustificare quel denaro di fronte alla "guardia di finanza" britannica, scrive una lettera al proprio commercialista chiedendo consiglio sul da farsi, specificando inoltre la provenienza della somma (indica il cavaliere come "mr.B"). a quel punto, il commercialista, che al contrario dei colleghi italiani è onesto, denuncia il fatto al ministero delle finanze inglese, il quale fa arrivare la suddetta lettera direttamente nelle mani dei giudici milanesi. in poche parole, esiste una confessione scritta di mills, dove è specificato il reato di corruzione messo in atto da berlusconi. a quel punto berlusconi si preoccupa e mette in moto il cervello.. fortuna vuole che, a breve, il ministro della giustizia alfano abbia emanato un decreto che preserva da procedimenti legali le più alte cariche dello stato, per permettere ai governanti di svolgere attività politica in totale serenità.. il lodo alfano, per intenderci. ora, mettere al di sopra della legge certe persone, seppur incaricate di governo, è un vero e proprio stupro della costituzione e infatti stiamo aspettando che la corte costituzionale revochi la validità di questo "lodo", ma nel frattempo il cavaliere è esonerato dal processo mills. cioè, un indagato per corruzione è presidente del consiglio italiano e il ministro della giustizia si mobilita per far si che la legge non possa arrivare ad infastidirlo?? ma nemmeno in russia.. comunque sia non è mica finita qui.. uno dirà: vabbè, ora che berlusconi è salvo, non si intrometterà più nel processo. sbagliato! infatti durante tutto questo tempo, i legali del premier, che poi sono stati tutti sistemati alla camera, hanno fatto l'impossibile per rallentare la macchina giudiziaria, affinchè il tutto cada in prescrizione e non se ne parli più. ultimo tentativo è appunto il ricorso con cui mr.B intendeva ricusare il giudice gandus, per presunto conflitto di interesse e pregiudizio nei suoi confronti.. povera stella.. ma per fortuna la cassazione ha decretato che silvio non ha alcun motivo per fare una richiesta del genere, cosi si va avanti. ma perchè, vi chiederete, uno deve cercare di mettere i bastoni tra le ruote in un processo in cui non è più imputato? semplice: se david mills dovesse essere giudicato colpevole, di conseguenza, anche se intoccabile sulla carta, berlusconi risulterebbe colpevole in tutto e per tutto.. e questo, logicamente, al nostro amato presidente non piace affatto! pensate un po', in israele, l'ex primo ministro si è dimesso immediatamente, appena comunicatogli il suo coinvolgimento in un processo su presunti illeciti fiscali. cioè, lui che aveva tutte le possibili scuse per rimanere al potere (come ad esempio il pericolo di conflitto armato con gli ostili "vicini di casa", etc..) si è subito ritirato asserendo di non voler perdurare nel proprio incarico con un procedimento penale in sospeso.. ma lui non era neppure ancora stato rinviato a giudizio. berlusconi è stato imputato in una marea di processi, dai quali si è sempre salvato per prescrizione o condoni vari (quindi non innocente ma "graziato", nota bene), ora scappa da un processo per corruzione grazie ad un decreto che sputa in faccia alla costituzione, ed ha ancora il coraggio di continuare a svolgere l'incarico di presidente, facendo inoltre dichiarazioni ai media (suoi) in cui denuncia presunte persecuzioni da parte della giustizia italiana nei suoi riguardi. in poche parole, ha il culo parato e ci sfotte ancora, il nano.. solo qui in italia lasciamo che succedano queste cose.. io spero vivamente che venga proposto il referendum di beppe grillo sul "parlamento pulito", cosi da ripulire le camere dalla feccia dei condannati che si ingrassano sulle nostre spalle.. altro che lodo alfano!

Nessun commento: