martedì 18 novembre 2008

"levi - veltroni" (l'ammazzablogger..)


si tratta di una proposta di legge, figlia della precedente "levi - prodi", che si propone di riformare il settore dell'editoria, entro il quale (secondo questi signori) rientrano anche i blog. secondo il testo della proposta, disponibile sul sito della camera (www.camera.it/_dati/leg16/lavori/stampati/pdf/16PDL0014370.pdf), i titolari di blog che presentino banner, annunci google adsense o qualsiasi altra forma di publicità, che cioè ne traggano un ritorno economico, avranno l'obbligo di iscrizione al r.o.c. (registro degli operatori di comunicazione) e quindi, tra le altre cose, diventeranno passibili di reati a mezzo stampa. questo perchè, ogni blog supportato da una redazione e/o sostentato da ritorno economico, svolge attività di impresa, pertanto dovrà inoltre rispondere all'agenzia delle entrate. il blogger che invece non sia iscritto al r.o.c. potrà essere perseguito penalmente per il reato di stampa clandestina, vale a dire 2 anni di carcere e/o sanzioni economiche. riassumendo: o un calcio nelle palle, o una ginocchiata sui coglioni! a seguito di questo disegno di legge che "bucherebbe le ruote" all'unico veicolo di informazione realmente libero di cui disponiamo in italia, molti blogger sono insorti con iniziative come quella di beppe grillo, "free blogger", che invita i titolari di blog a mettere la propria faccia in favore della protesta.. e a qualcosa è servito, perchè pare che un paio di ministri (tra cui di pietro), si siano improvvisamente resi conto di ciò che il testo della proposta effettivamente diceva.. pare si sia trattato solo di un "ingenuo errore" dell'onorevole levi che, non intendendosi a fondo di internet, abbia esposto in maniera errata la propria idea. ma tutto si risolverà per il meglio amici, il bene trionferà ancora, perchè di pietro in persona si è incaricato di dare mandato all'onorevole levi di correggere la proposta, perciò tutto a posto, don't worry be happy! gli stronzi siamo noi che vediamo la mala fede dietro ogni angolo, quando invece si tratta solo di una banale svista che (a quanto detto) anche una volta passata, non avrebbe avuto effetti collaterali reali, perchè ovviamente improponibile.. colpa nostra a quanto pare.. successo nulla.. belle scuse stronze, queste! hanno ripreso un vecchio disegno di legge, lo hanno farcito di stronzate e speravano di riuscire a farlo passare in sordina sotto il naso del dormiente governo, ma ancor più grave, della nazione tutta. il mio ringraziamento va ad un giurista, daniele minotti, che credo sia stato il primo a denunciare il fatto.. anche se da come la propongono pare che siano stati di pietro & co. ad accorgersene.. chi lo sa.. fattostà che quando salta fuori qualche magagna politico-legislativa, il più delle volte è merito di uno di quei pochi giornalisti che ancora resistono in questo paese.. raramente le denunce partono da membri del governo, eppure quando una nuova legge viene proposta, quando il testo viene letto alla camera, ci sono loro seduti là, mica noi.. se invece di fare origami con la carta intestata, se invece di giocare a battaglia navale, se invece di spogliare con gli occhi le soubrette che il buon silvio ha schierato tra le proprie fila, facessero il loro dovere di "onorevoli", cioè quello per cui li abbiamo messi là, magari non si alzerebbero più "inutili polveroni" per "ingenui ed innocui errorini" nella stesura dei testi di legge. in un paese che si voglia definire civile, è la classe politica che dovrebbe "stare col pepe al culo", provare timore reverenziale nei confronti del popolo e non, come da noi, l'esatto opposto.. se qualcosa non cambia, se qualcuno non fa sentire per primo la propria voce, questi continueranno ad ingrassare facendo il cazzo che vogliono.. statemi bene.


Partecipa a freeblogger su beppegrillo.it

Nessun commento: